Autostrada Pedemontana. Pericoli annunciati: falde acquifere a rischio!

Come il Giornale di Vicenza riporta a proposito delle falde acquifere nella zona tra Montecchio Precalcino e Rosà, i gravi rischi dell’Autostrada Pedemontana si presentano ad ogni piè sospinto e vanno oltre ogni immaginazione.

 Del resto, come si può progettare un’autostrada a sei corsie e a grande traffico sopra la falda acquifera più grande d’Europa senza prevedere quali danni potrebbe provocare uno sversamento di sostenze tossiche e come evitarli?
Questi rischi li avevamo più volte denunciati, ma siamo stati come sempre inascoltati da questi organi di informazione e dai fautori del progetto che a questo riguardo hanno sviluppato delle perfette ‘orecchie da mercante’ (queste sì) a tenuta stagna. Da questa falda attingono acqua gli acquedotti di mezzo Veneto (Vicenza, Padova ecc…) e basterà una piccola infiltrazione a mandare in crisi tutto il sistema di approvvigionamento idrico.
Nessuno, a livello delle autorità preposte, si oppone?
Anche questo è possibile oggi nel Veneto, in una fase sempre più predatoria e distruttiva del nostro sistema economico dominante sempre più in crisi.
Pensate che questo nuovo rischio annunciato sarà un motivo sufficiente di ripensamento? No, naturalmente.
Basta vedere cosa è successo con la base Usa al Dal Molin, dove nonostante il movimento No Dal Molinlo dicesse da annie in tutti i modi che l’impianto di migliaia di pali per sostenere la base avrebbe provocato un’ostruzione della falda e avrebbe favorito le alluvioni (come sempre lo stesso Giornale di Vicenza riporta oggi) si è andati avanti negando, per poi ammettere candidamente e senza nessuna autocritica il disastro avvenuto.
La distruzione dell’ambiente non basta e neanche lo sconvolgimento del clima: dopo le alluvioni, la siccità… e poi … di nuovo forse le alluvioni! Perciò ora avanti con le nuove opere di cementificazione come le casse di espansione del Guà/Agno a Trissino/Tezze di Arzignano, in via di realizzazione.
Queste abbasseranno il piano di campagna di metri, per un’area enorme, portando uno sconvolgimento gigantesco a una delle ultime aree naturali. Avanti così, col ‘progresso’ e lo ‘sviluppo’ a tutti i costi, grazie e complimenti a tutti i fautori e a quelli che li sostengono (da sinistra a destra passando per il centro).
 MOVIMENTO NO PEDEMONTANA

Comments are closed.