Padova – Nella giornata mondiale per l’acqua: autoriduciamo le bollette, rispettiamo i referendum

Il Comitato Due Sì per l’Acqua Bene Comune invita ad essere al Consiglio comunale il 24 marzo per dire NO alla  fusione Aps Holding-BusItalia nei trasporti: basta  privatizzazioni!!

Sta tutto lì, condensato in quei ventitré metri di striscione calato dal Palazzo della Ragione, nel cuore della città di Padova, il senso della battaglia del combattivo Comitato Due Sì per l’Acqua Bene Comune che, nella Giornata Mondiale per l’Acqua, ha voluto far sentire la sua voce per invitare tutte/i ad autoridurre le bollette con la campagna di Obbedienza Civile per il rispetto dei referendum di giugno 2011.

Negli interventi è stata anche ricordata l’iniziativa contro la truffa della  mancata depurazione delle acque reflue e dei relativi rimborsi che spettano a chi, per anni, senza beneficiare dei servizi di depurazione e fognatura è stato incredibilmente e illegalmente costretto a pagarli. Argomento, questo, al centro di una affollata assemblea tenutasi venerdì 21 marzo nella zona sud della città (Sala Polivalente, Voltabrusegana), nel corso della quale gli attivisti hanno anche stigmatizzato il disinteresse, se non l’ostilità, delle istituzioni locali nei confronti delle iniziative volte a tutelare l’interesse della cittadinanza e la difesa dei beni comuni. Il primo incontro, invece, molto partecipato anch’esso, si é svolto nella zona sud ovest (Voltabarozzo). In cantiere una terza pubblica assemblea in zona Mandria. Sono già centinaia i cittadini che stanno chiedendo il rimborso e che, attraverso questa battaglia, hanno conosciuto ed iniziato a praticare l’autoriduzione delle bollette.

Il Comitato ha voluto anche lanciare, per lunedì 24 marzo, l’appuntamento al Consiglio comunale di Padova (ore 19.30), perché è in discussione la fusione tra Aps Holding e BusItalia. L’operazione ricorda, per la tempistica e per l’assenza di un reale percorso democratico di consultazione della cittadinanza, l’altra sciagurata fusione, quella tra  Acegas-Aps e il colosso emiliano Hera. Anche la logica è la stessa: privatizzare e spogliare la città del controllo sui servizi per metterli in mano ad una gestione aziendalistica, privatistica e di mercato.

Di seguito il volantino distribuito nell’iniziativa

22 marzo Giornata mondiale per l’acqua
AUTORIDUCI CON NOI LE BOLLETTE DELL’ACQUA
RISPETTIAMO I RISULTATI DEI REFERENDUM: L’ACQUA E’ UN BENE COMUNE, NON UNA MERCE !

I servizi devono restare della città per questo ti invitiamo lunedì 24 marzo alle ore 19.30 ad essere al Consiglio comunale per dire NO ALLA FUSIONE APS-BUSITALIA.
Oggi nella giornata mondiale per l’acqua invitiamo tutti i cittadini e le cittadine a portare avanti con noi la campagna di Obbedienza Civile che consiste nell’autoriduzione della bolletta dell’acqua della componente di profitto cancellata dai referendum (per Acegas il 18.82%).  Infatti, i referendum digiugno 2011 furono pensati per affermare un principio basilare: sull’acqua (bene comune essenziale alla vita) nessun gestore deve  fare profitti.
Ma con i referendum abbiamo voluto anche dire che i servizi devono restare realmente pubblici e non asserviti alle logiche della privatizzazione e della mercificazione.
A Padova abbiamo già visto i danni prodotti dalla fusione di Acegas Aps con Hera: la gestione del servizio idrico e dei rifiuti è solo determinata da logiche aziendali e di profitto.
Ora la stessa cosa sta avvenendo con i trasporti ed in fretta e furia si vorrebbe approvare la fusione di Aps con BusItalia togliendo alla città il controllo sulla gestione della mobilità e affidandola a maggioranza ai privati, alle logiche dei business e dei profitti.
Eh no! Basta con queste decisioni prese sulla nostra testa in tutta fretta come vorrebbe la Giunta accelerando la fusione.
Per questo invitiamo tutti a dire NO ALLA FUSIONE ed ad essere al Consiglio Comunale lunedì sera.
Riaffermiamo il valore dei referendum in cui  il 95.8% dei votanti (praticamente 27 milioni) si dichiarò a favore dell’abrogazione della norma che assicurava ai gestori il 7%  di remunerazione sul capitale investito e contro la gestione privatistica dei servizi.
A  quasi 3 anni dai referendum, i gestori continuano illegittimamente a fare profitti sull’acqua, continuando a farci pagare la quota abolita dai referendum!!
Ecco dunque, il senso della campagna di obbedienza civile: rispettare i referendum
Aderire è semplice:   vieni ai nostri SPORTELLI o ai nostri BANCHETTI  con la bolletta in scadenza e  noi ti compileremo un nuovo bollettino postale con l’importo autoridotto come da legge. .
Oggi c’è un motivo in più per aderire all’Obbedienza Civile: Acegas-Aps/Hera  è responsabile di una nuova truffa, poiché trattiene in bolletta il canone di depurazione anche a quegli utenti che, benché allacciati al sistema fognario, non hanno mai beneficiato di quel servizio!
Il motivo é sempre lo stesso: far crescere a spese degli utenti i suoi profitti !!

CONTATTACI PER AVERE INDIETRO IL RIMBORSO SULLA DEPURAZIONE

Abbiamo dalla nostra la legge, facciamola rispettare: TI ASPETTIAMO!!!!!!!!!!!!!

ED ECCO  COME FARE L’AUTORIDUZIONE DELLA BOLLETTA DELL’ACQUA E DOVE TROVARCI

 La cosa più semplice (almeno la prima volta che si autoriduce) è venire a uno dei nostri SPORTELLI e/o BANCHETTI, portando con te la bolletta in scadenza e da pagare. ATTENZIONE: se la bolletta è domiciliata in BANCA oppure in POSTA, devi dare immediatamente ladisdetta (bastano pochi minuti), per effettuare direttamente il pagamento autoridotto.

 

Ecco dove si trovano i nostri SPORTELLI (TECNICO-LEGALI):

■ ADL-COBAS – Viale Cavallotti, 2 (di fronte cinema Lux),  il martedì orario dalle 17:30 alle 19:30tel. 328.9254183328.9254183 (Alessandro) oppure 049.692171049.692171.

■ ALTRAGRICOLTURA NORDEST – Corso Australia, 61 (di fianco al Gran teatro GEOX) Tutti i giornida lunedì al venerdì, orario dalle12:30 alle15:00  tel. 049 7380554049 7380554 – 049 7380587049 7380587

Ecco dove si trovano i nostri BANCHETTI  (dalle ore 10,30 alle ore 12,30/45)

AL  SABATO

– mercato in Piazza delle Erbe, lato fontana;  

 – Prato della Valle, ang. sottoportico Via Umberto I° 

AL MERCOLEDÌ

– mercato alla Guizza, piazzale Cuoco (tel. 346.7358255346.7358255 – 328.6334574 – 334.7515209)

Presso  i  nostri  SPORTELLI  e  BANCHETTI,  potrai:

1. firmare la raccomandata a mano RECLAMO/ISTANZA DI RIMBORSO all’Acegasaps  con la quale:metti in mora il gestore e chiedi di essere rimborsato per la componente tariffaria versata in più su ogni bolletta a decorrere da luglio 2011 (la porteremo noi ad ACEGAS come raccomandata a mano), oltre ad avvisare che comincerai l’autoriduzione delle bollette;

2. compilare il nuovo Bollettino Postale, indirizzato ad ACEGASAPS (c/c n. 4366), con l’importo in scadenza autoridotto per la quota del 18,82% (quota pari alla remunerazione del capitale investito, che è ingiustamente addebitata, come sancito dal referendum, dalla Corte Costituzionale, dal Tar Toscana e dal Consiglio di Stato);

3. ricevere informazioni tecniche e legali.

IMPORTANTE: nel caso tu voglia COMPILARE DA SOLO la raccomandata e il bollettino autoridotto, o versare in banca (c/c IT61K 06225 12107 07400476390K), ricordati di:

 indicare nella causale  ADESIONE CAMPAGNA DI OBBEDIENZA CIVILE e,  subito sotto,codice utenza e n. bolletta (comeriportati sul bollettino in scadenza);

comunicarci (via mail o tel.) gli estremi del versamento (e di farlo ad ogni successiva autoriduzione) quali: cognome e nome, n. tel./mail, numero e data bolletta, n. contratto, importo come da fattura e l’importo autoridotto. Ciò perché il Comitato deve avere un quadro complessivo degli auto riduttori e deve poter contattare gli aderenti alla Campagna per decidere insieme le iniziative da intraprendere.

PER  ULTERIORI  INFORMAZIONI TEL.  ALESSANDRO 328.9254183  GIANNI 327.6157887

Comitato Prov. 2 Si per L’Acqua Bene Comune- Padova

E-mail: acquabenecomunepd@gmail.com    www.acquabenecomune.org                                                           PASSA PAROLA!!!!!!!!!!!!!!!!!