Archivi Autore: Riccardo Bottazzo

Riccardo Bottazzo
Sono un giornalista professionista, direttore di EcoMagazine. Mi ostino a vivere a Venezia e mi occupo di ambiente e di movimenti dal basso. E poi tante altre cose ancora...

I cambiamenti climatici, la laguna e l’Apocalisse

In una “normale” domenica d’autunno, lo scontro tra la perturbazione atlantica in arrivo da Ovest, i venti di scirocco che soffiano da Sud e le acque di un Mediterraneo sempre più caldo provocano eccezionali precipitazioni che si riversano con una violenza mai vista prima sulle aree costiere di Liguria e Toscana.  Lungo le coste dell’Adriatico determinano – come spiega qui ...

Leggi Articolo »

Venezia si mobilita in difesa del suo Arsenale

Una bella domenica di festa e di partecipazione, a Venezia. La città si è ritrovata davanti al suo arsenale per manifestare tutto il suo sdegno di fonte allo “scippo” a firma del ministro delle Sviluppo Economico Corrado Passera. Poche righe inserite di frodo in un testo che tratta di tutta un’altra questione – l’agenda italiana sul digitale – me che ...

Leggi Articolo »

Fiaccolata per l’ambiente e la salute a Monselice

Una grande fiaccolata ha illuminato ieri sera, venerdì 28 settembre, le strade di Monselice. Una grande fiaccolata per dire no al cemento, no ad una economia tumorale che macina ambiente e salute per garantire il profitto di pochi sui diritti di tutti. Perlomeno settecento persone hanno accolto l’appello “Per non morire di cemento” lanciato dai comitati della Bassa Padovana “Lasciateci ...

Leggi Articolo »

Tutela l’ambiente ma sfrutta i lavoratori. Il caso del centro riciclo di Vedelago

Quindici lavoratori buttati sulla strada è una notizia che, di questi tempi, otterrebbe a malapena una colonnina bassa in cronaca locale. Ma in questo caso la storia è diversa perché è diversa l’azienda che ha spedito le lettere di licenziamento. Si tratta infatti del centro di riciclo di Vedelago (Treviso), una delle strutture atte al recupero e allo smaltimento dei ...

Leggi Articolo »

No Grandi Navi, No Grandi Opere per un futuro di pace e di sostenibilità

Una volta, questa domenica di settembre, era il giorno della Lega e di Roma ladrona. Arrivavano con le bandiere del sole padano e la “sacra ampolla” d’acqua del Po. Se andava bene, raggiungevano Riva degli Schiavoni senza incidenti per ascoltare il Bossi urlare contro meridionali e migranti. Se andava male, si fermavano per strada a menare qualche disgraziato cameriere con ...

Leggi Articolo »

Non è solo un treno!

Grandi navi e non solo. Progetti di revamping di rifiuti speciali, di tracciati in gronda lagunare contro puntuali promesse di riconversioni industriali che vengono puntualmente disattese. Anche Venezia ha le sue Tav, ha ricordato Beppe Caccia in apertura dell’incontro organizzato dall’associazione In Comune per presentare il libro “Non solo un treno .. la democrazia alla prova della Val di Susa” ...

Leggi Articolo »

Quel fantaoggetto chiamato Palais Lumière

Mettiamo subito in chiaro una cosa. Non è Pierre Cardin a fare un regalo a Venezia ma Venezia a fare un regalo a Pierre Cardin. E’ la città di Venezia che regala a questa torre di 224 metri d’altezza la sua unicità e non viceversa. E’ Venezia che mette a disposizione di questo stilista trevigiano la sua tradizione e la ...

Leggi Articolo »

Mose: chi controlla i controllori?

Sulla triste vicenda del Mose, è emblematica la risposta che ha dato il presidente della Mantovani alla domanda “funzionerà il discusso sistema della paratie mobili?” Con l’intento di rassicurarci tutti, Piergiorgio Baita ha ribadito che “questa è una certezza scritta col sangue. Perché se il Mose non funziona la Mantovani fallisce”. Non possiamo fare a meno di notare che, con tutto ...

Leggi Articolo »

Reddito ed ecologia: due proposte di legge per il Veneto

Adesso possiamo metterci la firma. Le ultime formalità burocratiche sono state espletate e i moduli vidimati dall’ufficio protocollo della Regione Veneto sono già a disposizione del comitato promotore. L’obiettivo ora è quello di raccogliere nel tempo più breve possibile, le 5000 firme necessarie a far arrivare nell’aula del Consiglio regionale le due proposte di legge di iniziativa popolare. Nei prossimi ...

Leggi Articolo »