Il Comitatone decide per Venezia. V.I.A. libera allo scavo del Contorta

Certo, non ci aspettavamo niente di meno. I cosidetti “blitz di Ferragosto” sono oramai proverbiali per far passare sotto il naso delle gente che sta pensando solo alla tintarella, le peggiori porcherie ambientali. Così è stato anche questa volta. Solo che l’hanno fatta più sporca ancora. Perché alla riunione del Comitatone che doveva decidere sulla presenza delle Grandi navi in Laguna, non c’era uno straccio di rappresentante della nostra città. Come dire che ci hanno mangiato la pastasciutta in testa!

Alla riunione svoltasi quest’oggi a mezzogiorno, hanno partecipato infatti tre ministri (Trasporti, beni culturali e Ambiente), Regione, Provincia, Magistrato delle Acque e Autorità Portuale. Del tutto assenti i rappresentanti del Comune – coloro cioè che i cittadini hanno votato appunto perché li rappresentassero in occasioni come queste – per il semplice fatto che i rappresentanti del Comune non ci sono più. Tutti a casa. Tutti commissariati per uno scandolo – quello del Mose – che, alla fin fine, come hanno ammesso gli stessi magistrati, riguardava il Comune solo di striscio (qualche centinaio di euro di finanziamento illecito dal Consorzio all’ex sindaco per la sua campagna elettorale contro Gianfranco Bettin alle primarie) ma, al contario, ha investito in pieno la Regione, dove nessuno si è sognato di dimettersi, il Consorzio e tutto il suo apparato tangentato e tangentaro, ministri e faccendieri compresi, che sono ancora alla plancia di comando. Tant’è vero che sono stati proprio loro a decidere la “soluzione” al problema della Grandi Navi. Ed è la soluzione che tutti gli ambientalisti temevano: il devastante “scavo del Contorta” che mette d’accordo compagnie marittime, autorità portuale, consorzio e imprese cementificatrici. A pagarne le spese sarà quanto rimane della laguna di Venezia. Sempre ammesso che possiamo ancora continuare a chiamarla “laguna”!

Lo scavo del Contorta: “Il solo progetto capace di allontanare le navi da San Marco mantenendo l’eccellenza crocieristica veneziana” ha dichiarato soddisfatto Paolo Costa, presidente dell’Autorità portuale, che dello scavo è stato sin dall’inizio il più accanito sostenitore e che è il vero vincente di tutta questa storia.
Certo, Il progetto dovrà prima essere sottoposto alla Valutazione di impatto ambientale. E grazie tante che non abbiamo ancora aperto l’autostrada della legge Obiettivo con la scusa di sveltire la burocrazia e di accelerare i finanziamenti. Ma non facciamoci illusioni sull’esito. Sappiamo bene come funziona il Via e come la commissione di valutazione ambientale sia sensibile alla pressione del potere politico ed economico.

“Una beffa che comporterà danni enormi. Una scelta compiuta in assenza di una democratica rappresentanza del Comune da quegli stessi Ministeri e quegli stessi enti che sono stati fino al collo condizionati dalla cricca del Mose – ha commentato in una nota Gianfranco Bettin già assessore all’Ambiente -. Si realizza così il sogno di certi poteri forti e di tutti i poteri marci: comandare su Venezia senza mediazioni, senza confronti o controlli da parte di un’amministrazione eletta. Si capisce così anche meglio perché non si voglia far votare la città al più presto, in autunno, per restituire pienezza di poteri e di rappresentanza al Comune, mentre ogni giorno, per impoverirla e destrutturarla, si denigra Venezia presentandola come un covo di parassiti e di privilegiati.
“Occorre ricostituire questa rappresentanza democratica al più presto, in modo che possa intervenire nella procedura di Via e che possa aprire il confronto con l’Autorità competente sul nuovo Piano regolatore portuale che assumerà le decisioni davvero strategiche – conclude l’ambientalista -. Oppure, che nominino un Podestà: sarebbe tutto più chiaro”.

“Non si illudano: questi signori – avverte Beppe Caccia – il blitz agostano del Comitatone si rivelerà una vittoria di Pirro. In tante e tanti impediremo con ogni mezzo la realizzazione di una nuova grande opera, che rischia di dare il colpo di grazia all’equilibrio idrodinamico della Laguna”.

Comments are closed.