Quei buchi nell’acqua chiamati trivelle #CementoArrichito

di riccardo bottazzo

Qualsiasi giudizio si possa dare su Cop21, su un punto tutti i commentatori si sono trovati concordi. Il vertice mondiale sul clima, svoltosi a Parigi nelle due prime settimane di dicembre, ha posto una pietra tombale sui combustibili fossili.

Vero che l’opposizione di alcuni Paesi petroliferi, come l’Arabia Saudita, ha impedito che nell’accordo finale comparisse il termine “decarbonizzazione”, ma è pure vero che, se davvero vogliamo anche soltanto provare a contenere l’aumento globale della temperatura “ben al di sotto di 2 gradi Celsius in più rispetto ai livelli pre-industriali” – come si legge nel documento conclusivo –  tutti gli Stati firmatari dovranno impegnarsi sin da subito a trovare alternative energetiche sostenibili.

In altre parole, gli idrocarburi come il petrolio, il carbone in tutte le sue forme, il gas come il metano, sono stati definitivamente buttati fuori della storia dell’umanità.

O non ci sarà futuro per questi combustibili, o non ci sarà futuro per l’umanità.

Fa riflettere quindi che, neppure un mese dopo gli incontri parigini, dove tanto il premier Matteo Renzi, quanto il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, vantavano l’Italia come uno dei Paesi più virtuosi e pronti a fare carte false per mantenere il surriscaldamento globale nei limiti proposti, il Governo varava uno Sblocca Italia tutto incentrato su Grandi Opere, consumo indiscriminato del territorio e, dulcis in fundo, dichiarasse “strategico” un piano di trivellazioni che aveva fatto infuriare non solo i “soliti” ambientalisti ma addirittura gli enti locali.

Tanto è vero che la richiesta del referendum popolare sulle trivellazioni in programma il prossimo 17 aprile, è stata presentata, come prescrive la Costituzione, da dieci Regioni interessate, tra le quali il Veneto. Ed è la prima volta, nel nostro Paese, che un quesito referendario viene presentato dai governi regionali. Tra l’altro, in numero doppio rispetto al quorum prescritto che è di cinque.

Le-trivelle-in-Italia

Come sia possibile che enti non sempre coerentemente schierati su tematiche ambientaliste come le Regioni, siano stati così solerti nell’accogliere le pressioni referendarie provenienti dal mondo ecologista, è presto detto. Per i governo locali, le trivelle sono soltanto un buco nell’acqua: nulla hanno da guadagnare e tutto da perdere, nel caso, non certo impossibile, di uno sversamento o di altre conseguenze inquinanti.

Come ha spiegato, in un incontro pubblico Venezia, Andrea Boraschi, responsabile energia e clima di Greenpeace, i permessi di ricerca e di sfruttamento di idrocarburi, altro non sono che un regalo ai petrolieri a spese dei cittadini. “Il petrolio estratto in Italia non appartiene alla nazione ma alle compagnie petrolifere. Il quantitativo estratto andrebbe inoltre a coprire il consumo nazionale per sole 7 o 8 settimane, così come le riserve di gas non durerebbero più di 6 mesi”.

Perché allora le compagnie come l’Eni, pronta a trivellare a poca distanza da un parco naturale come quello del Delta del Po, sono disposte ad accollarsi questi impegni economici? “Perché le royalties, i diritti di concessione, da noi, sono i più bassi del mondo, e non superano il 7% di quello che si estrae – ha concluso Boraschi -. Per questo parliamo di regalo di Natale ai petrolieri”.

A far da contrappeso, nell’altro piatto della bilancia, c’è un… mare di rischi. Anche senza arrivare al pericolo di scatenare reazioni di subsidenza – punto sul quale la comunità scientifica ha opinioni divergenti – rimane il costante rischio di sversamento. Ipotesi accreditata anche dall’alta sismicità dell’area in cui dovrebbero sorgere le piattaforme. Di disastri marini legati all’estrazione o al trasporto di combustibili fossili, ne abbiamo già registrati tanti al mondo. Anche a considerare solo l’aspetto economico, i costi per la collettività si sono rivelati assolutamente sproporzionati ai vantaggi. Inoltre, tutti questi disastri si sono verificati nell’oceano. Cosa succederebbe in caso di sversamento in un mare chiuso come quello Adriatico, a poche miglia marine dalla laguna di Venezia e da tante spiagge che vivono di turismo?

Preoccupazioni queste, che investono anche settori non propriamente vicini all’ambientalismo, come quello degli albergatori e degli stessi pescatori.

“Le compagnie petrolifere ci hanno offerto qualche migliaio di euro come indennità in previsione di un ridimensionamento della pesca dovuto alle loro attività – ha raccontato Giampaolo Buonfiglio, presidente delle cooperative italiane pesca -. Ma come potremmo accettare? Nel solo Veneto, ci sono migliaia di barche e di famiglie che campano solo di questo lavoro”.

Da Venezia, la mobilitazione in vista del vicino referendum si è allargata a tutta la Regione. Comitati popolari e associazioni ambientaliste hanno organizzato sit in, incontri pubblici e colorate iniziative in tutte le provincie.

I sostenitori del No punteranno soprattutto sull’astensione ed a sminuire la portata del referendum. “E’ sbagliato pensare che con questo referendum l’Italia venga chiamata a scegliere tra i combustibili fossili e la ricerche sulle fonti di energia rinnovabili – commenta il consigliere emilianoromagnolo del Pd Gianni Bessi -. Le due cose devono andare avanti insieme”.

Di opposto avviso gli ambientalisti. “Invitiamo tutti gli italiani ad andare a votare ed a votare Sì – spiega Gigi Lazzaro, presidente di Legambiente Veneto -. La nostra battaglia contro le trivelle non è solo contro le trivelle. Il referendum dovrà anche essere un segnale forte per il Governo Renzi affinché si decida a tradurre in pratica gli accordi di Parigi. I combustibili fossili devono essere abbandonati per investire sulle energie rinnovabili, le sole capaci di regalarci davvero un futuro”.

Comments are closed.