La magistratura arresta Chisso e Orsoni. Gli ambientalisti fanno volare gli aquiloni e si preparano alla mobilitazione di sabato

Ogni tanto ne mettono dentro qualcuno. Dopo l’arresto dell’ex amministratore delegato della Mantovani, Giorgio Baita, è stato come assistere a quel gioco delle mattonelle dove la caduta di una si tira dietro tutte le altre. Nelle ultime settimane abbiamo visto in manette o inquisiti potentissimi ex ministri come Corrado Clini e Altero Matteoli. Le ultime mattonelle sono cadute tutte nel Veneto ed a Venezia, in particolare. La Procura di Venezia ha arrestato oggi l’assessore regionale alle Infrastrutture, Renato Chisso, e il sindaco Giorgio Orsoni. L’accusa è sempre la stessa: corruzione, concussione e riciclaggio nell’ambito degli appalti per il Mose. Anche l’ex Governatore Giancarlo Galan, si legge in un comunicato Ansa, avrebbe seguito la stessa sorte se non fosse che lo status di parlamentare ne ha per ora impedito l’arresto.

Alzi la mano chi ne è sorpreso. Ancora un bel po’ di anni fa avevo scritto sul compianto settimanale Carta che prima o poi la magistratura avrebbe fatto chiarezza sul sistema di tangenti e corruzione che quel disastro ambientale chiamato Mose non poteva non portare con sé. Non poteva perché un’opera costosissima, devastante ed inutile come questa doveva essere autorizzata solo da dei delinquenti. La magistratura avrebbe fatto chiarezza sì, ma soltanto quanto sarebbe stato troppo tardi per rimediare. I soliti lunghi tempi della giustizia italiana? Può darsi. Resta il fatto che vedere i magistrati che all’epoca denunciavano gli ambientalisti che occupavamo i cantieri per denunciare quel malaffare che ora loro stessi denunciano, ci lascia l’amaro in bocca più che altro.

I meno sorpresi alla fin fine siamo sempre noi che con questa gente ci abbiamo poco o niente a che fare e che combattiamo le nostre battaglie per i diritti e per l’ambiente in altri modi e in altri fronti. Come, ad esempio, insegnare ai bambini a far volare gli aquiloni mentre spieghiamo ai loro genitori perché le Grandi Navi sono incompatibili con quello che rimane della nostra povera laguna. Proprio come gli attivisti del comitato No Grandi Navi che si preparano alla manifestazione di sabato, hanno fatto ieri in campo Santa Margherita.

Degli arresti eccellenti, alla fin fine, ce ne importa poco, perché sappiamo bene – e lo abbiamo visto all’epoca di Tangentopoli – che non sarà mai la magistratura e tanto meno le manette a risolverci i problemi o ad aprirci la strada verso quella democrazia partecipata e dal basso che sogniamo. Continuiamo quindi nelle nostre lotte, senza smobilitare e senza sorprenderci più di tanto per quanto accade nei piani alti.

Chisso? Galan? Implicati nello scandalo del Mose? Ma va?! E Orsoni? Il nostro sindaco – e potenzialmente già ex sindaco – me lo ricordo ai tempi in cui Gianfranco Bettin aveva osato sfidarlo nelle primarie. Mentre l’arcipelago ambientalista si arabbattava con 4 soldi in croce, lui prendeva i finanziamenti del Consorzio Venezia Nuova. Tutto pulito, diceva lui. Un motivo ci sarà, dicevamo noi. Un motivo c’era, valuta oggi la magistratura.

Attenzione però. Fra qualche ora uscirà un comunicato del Consorzio che ci spiegherà che il Mose non centra nulla con tutto questo. Ci diranno che l’opera in sé è buona e che – lo sapete come vanno le cose in Italia, no? – il problema sta tutto nei politici corrotti che ne hanno gestito gli appalti. Più o meno quello che ti raccontano per l’Expo e che, prima o poi, salterà fuori per la Tav o per la Mestre Orte o tutte le altre Grandi Opere che stanno maciullando l’Italia. E’ una bugia. E’ il sistema stesso della Grande Opera calata dall’alto in deroga a tutte le leggi e le valutazioni ambientali che comporta il malaffare. Perché il malaffare, la corruzione, la tangente, il dirottare soldi dal pubblico al privato, la mercificazione dell’ambiente, l’avallo di una economia a gestione mafiosa è il vero ed unico scopo della Grande Opera.

E proprio sotto questa visuale le Grandi Navi sono Grandi Opere in tutto e per tutto. Così come le presunte “soluzioni” al problema delle Grandi Navi, mi riferisco allo scavo del Contorta o del Vittorio Emanuele, sono in tutto e per tutto Grandi Opere. Scavi che hanno già ottenuto un parere negativo della commissione Via e che, se non è un sistema mafioso questo…, ci è stato tenuto segreto alla faccia di tutte le norme di trasparenza.

Per questo, Eco Magazine rilancia con convinzione l’appello alla mobilitazione di sabato. Nella prossima settimana si riunirà il Comitatone, (pure se non qualche membro di meno). Troviamoci tutti a piazzale Roma alle ore 13. #tuttigiùperterra. E’ il momento giusto per far capire a tutti che Venezia a quelle Grandi, brutte e devastanti Navi preferisce far volare gli aquiloni.