Archivi Autore: Riccardo Bottazzo

Riccardo Bottazzo
Sono un giornalista professionista, direttore di EcoMagazine. Mi ostino a vivere a Venezia e mi occupo di ambiente e di movimenti dal basso. E poi tante altre cose ancora...

Se sfila la crisi della politica

di Umberto Curi (dal Corriere del Veneto 3/12) «A Venezia ha sfilato il popolo del no»: in questi termini si sono espressi quasi tutti i commenti comparsi sulla stampa regionale, all’indomani della manifestazione promossa da ben 147 sigle di Comitati e Associazioni, in modi diversi impegnati nella tutela del territorio veneto. L’abbreviazione giornalistica può essere anche capita, vista la necessità ...

Leggi Articolo »

Il Veneto in movimento. Ambiente, diritti e democrazia contro le grandi opere

Come ai tempi del referendum sull’acqua. Con qualcosa in più. La marea che si è riversata a Venezia, questo sabato pomeriggio di un 30 novembre da ricordare, ha ricordato per tanti versi il popolo del referendum vittorioso contro la privatizzazione dell’acqua. Ma, come abbiamo scritto, con qualcosa in più: la consapevolezza che non è solo l’acqua il bene comune da ...

Leggi Articolo »

Tutti a Venezia! Beni comuni e democrazia per sconfiggere le Grandi Opere

di Beppe Caccia – Questo pomeriggio Venezia sarà attraversata da un corteo di donne e uomini provenienti da tutto il Veneto. Sono decine e decine di movimenti e comitati, associazioni e gruppi, centri sociali e occupanti di case che manifesteranno, per la prima volta, con obiettivi comuni e con un avversario comune. Gli obiettivi sono chiarissimi: chiedono di bloccare le ...

Leggi Articolo »

Belluno – Valle del Mis bonificata

Un centinaio di attivisti si sono dati appuntamento questa mattina in Valle del Mis (BL) per ripulire una parte di quello che dalla Corte di Cassazione fu definito un cantiere illegittimo e che oggi si presenta come una vera e propria discarica abusiva all’interno di una delle aree più protette del Veneto: Parco Nazionale e Patrimonio mondiale dell’Umanità. A un ...

Leggi Articolo »

Archiviamo il passante a sud del Ceresolo. Sabato di mobilitazione anche a Rovigo

Anche Rovigo, nel suo piccolo, ha le proprie “Grandi Opere”. Da oltre due anni i cittadini stanno combattendo una battaglia serrata contro Veneto Strade e, paradossalmente, contro la stessa amministrazione comunale, che dovrebbe invece rappresentarli e tutelarli, per impedire la realizzazione di un progetto devastante che prevede la costruzione di una strada a scorrimento veloce a ridosso del più popoloso ...

Leggi Articolo »

Per la democrazia e i beni comuni. Per il diritto di respirare, lavorare e vivere

La sola Grande Opera che ci piace è questa: costruire una società dove ci sia casa e reddito per tutti. Così, “svecchiando” dall’ambientalismo di maniera il dibattito, i ragazzi dell’Assemblea Sociale per la Casa hanno sintetizzato l’obiettivo della grande manifestazione contro le Grandi Opere in programma a Venezia sabato 30 novembre. Ma la prima cosa da registrare è la grande ...

Leggi Articolo »

Varsavia: il clima cambia velocemente, i governi agiscono lentamente

Neanche il tifone Haiyan che nelle Filippine ha ammazzato più di 10 mila persone ci ha insegnato qualcosa. Eppure, la “benzina” dei tifoni sono proprio quelle particelle di vapore acqueo di cui il riscaldamento globale sta riempendo l’atmosfera. I disastri insomma, non sono mai naturali. L’unica certezza che sta emergendo dalla diciannovesima Cop in scena a Varsavia è che l’homo ...

Leggi Articolo »

Caccia: “Il Consorzio Venezia Nuova dietro lo scavo del canal Contorta”

Ed in laguna si ritorna a parlare della Legge Obiettivo. La legge 443 del 2001 fortemente voluta dal Governo Berlusconi che “semplifica” le verifiche sulla sostenibilità ambientale, affida ad un unico concessionario sia il controllo che la realizzazione dell’infrastruttura, e avvia i lavori senza sicurezze sulla copertura finanziaria. La legge, per intenderci, che sta dietro al Mose, la Tav e ...

Leggi Articolo »

Scenari futuribili per Porto Marghera

Al Vega è andato in scena il futuro di Porto Marghera. I primi attori c’erano tutti: amministratori ministeriali e comunali, tecnici dei settori ambientali e produttivi di vari livelli, industriali. Assente solo il ministro Flavio Zanonato per impellenti impegni ministeriali. Il tema dell’incontro svoltosi nella mattinata di oggi era “Scenari futuri e futuribili per Porto Marghera: tra bonifica, riconversione industriale ...

Leggi Articolo »