Editoriali

L’alternanza scuola lavoro va in crociera! Anche le compagnie navali hanno diritto ai loro studenti da sfruttare, o no?

Si chiama “alternanza scuola lavoro” ed è l’ultimo inchino del Governo italiano ad una insostenibile economia che si nutre di disastri sociali e ambientali. Con la scusa di “imparare un mestiere” e di “abituarsi alla vita da adulti”, ragazze e ragazzi delle scuole superiori vengono distolti dallo studio e spediti a fare i camerieri al Mac Donald o in qualche posto ...

Leggi Articolo »

Il sistema Mose e “Mafia Capitale”

Ieri, proprio in contemporanea con il servizio del TG3 veneto con intervista agli ingegneri del progetto alternativo al Mose “Paratoia a gravità” (che invito tutti vedere, link), siamo stati subissati dai commenti della stampa nazionale sulla sentenza del processo “Mafia Capitale”. Lo scandalo Mose e “Mafia Capitale” sono certo episodi corruttivi non comparabili, sia in termini quantitativi, il maltolto con ...

Leggi Articolo »

L’inutile attesa del Piano Paesaggistico regionale

Da oltre trentanni è richiesto alle Regioni di adottare un proprio Piano Paesaggistico. La Regione Veneto è ancora ben lontana dal portare a termine l’impresa, tuttavia, per come è stato impostato il lavoro,  non c’è garanzia che i mega-interventi che stanno distruggendo il nostro paesaggio troverebbero in questo Piano un ostacolo. Pubblichiamo a questo proposito l’intervento di Gianni Sandon. Il Piano ...

Leggi Articolo »

Sul problema delle Grandi Navi da crociera a Venezia

La permanenza a Venezia delle grandi navi crociera va mantenuta tenendo presente soprattutto il provvedi- mento del Governo Italiano (decreto interministeriale Clini-Passera del 2 marzo 2012 n. 79) che dopo la tra- gedia della Costa Concordia poneva per Venezia gli obiettivi della tutela e salvaguardia dell’ambiente lagu- nare e la sicurezza della navigazione. Nella laguna di Venezia, considerata la “particolarissima ...

Leggi Articolo »

Difendere laguna, portualità e occupazione

di Giuseppe Tattara e Gianni Fabbri – L’esito plebiscitario del referendum di domenica scorsa dimostra l’esistenza nella popolazione veneziana (e non solo) di una diffusa conoscenza-coscienza dell’insensatezza della soluzione “Canale Vittorio Emanuele” per far arrivare le grandi navi da crociera alla Stazione Marittima. E così per lo scavo di nuovi canali in laguna. Il sentore che si vada comunque a una decisione ...

Leggi Articolo »